Archive for novembre 10, 1985

1985

novembre 10, 1985

alice_lanaacqua_800.jpg

DOCTOR PENCIL & MR. CHINA, vecchie finzioni - nuovi illustratori"Il 1985 lo ricordo come un bel momento, un anno al centro di un’epoca discretamente spumeggiante. Qualcuno trova rassicurante fissare boe temporali, pietre incise da noi stessi in certi punti del percorso: fino a quel momento mi sentivo così, quell’incontro mi ha portato da questa parte, più avanti ho sostato, quel dosso mi ha fatto capire che un ciclo si era concluso.
Nell’85 avevo 23/24 anni, ero fidanzato, avevo pubblicato i primi lavori portati di persona nella psicologicamente-lontanissima Milano. Con l’intero Paese si guardava “Quelli della Notte“, mentre ancora in (relativamente) pochi potevamo riunirci con gli U2 sotto un tendone. Dal cilindro sdrucito del Kremlino era sbucato MIchail Gorbachev. Poteva essere davvero diverso da quelli che l’avevano preceduto?
alice_glinsetti_800.jpgPrima del trash di regime, prima del telefonino, prima di questa Benedetta Rete, avevo i capelli tagliati come s’usava, una band che sembrava diventare sempre più “vera” e salivo su certi palcoscenici underground molto gratificanti.
Gli illustratori, i fumettisti che incontravo sembravano in procinto di cambiare la pelle al mondo, che a sua volta non sopportava più le croste di piombo e uranio di cui era smerdato. Loro, in combutta con musicisti affilati, architetti fumiganti e registi tedeschi estremamente nutrienti, correvano avanti a me di svariati passi. Correvano, correvamo, era appena iniziato il riciclaggio permanente, la citazione come genere (o come rifugio); solamente in luglio in molti ci si fermò a fare un grande respiro: era il Live AId, la terza età del rock e non sembrava ingenuo crederci.

A volte però, quelli bravi e io, ci si ritrovava per pura fortuna nella stessa casella, come accadde in occasione della mostra Doctor Pencil & Mister China, capace, anche ora mentre scrivo di restituirmi un sapore della Bologna che meritava ancora, vagamente, il suo alone mitico.
Un pomeriggio straordinario alla GAM di Bologna e c’erano tutti, così tanto “tutti” che mi spiace non aver fissato meglio il ricordo. Fumettisti di due generazioni, scrittori ancora in bozzolo, belle teste, facce passabili. Antonio Faeti che, guardando la mia Alice, diceva parole emozionanti, con dietro le Giannine che mi strizzavano l’occhio. Molti amici attorno, molto movimento di spalle imbottite.

Dato che è l’equilibrio ad essere accidentale, non il contrario, circa un anno dopo era già tutto diverso. Le testate del nuovo fumetto italiano iniziavano a chiudere una dopo l’altra, in particolare l’eroico Alter Alter, con un’editoriale in cui Fulvia Serra sosteneva che gli taliani non s’erano innamorati dei fumetti Valvolinici perché a quei disegni mancava la musica (?!). Tutti a casa in buon ordine a comprarsi Tex, in eterno.
Igort, nell’atrio del QBo, mi diceva: “Grassilli, l’avanguardia ha perso!” Per certo, avevo perso la fidanzata e gli U2 iniziavano ad apparirmi meno fulgidi. Solo i Mistoterital davano ancora il meglio della loro ridondanza anche se, mentre osservavo Leo Bassi distruggere un’automobile in mezzo alla hall, una fredda certezza si faceva strada in me: stavamo raggiungendo l’apice e mai più avrei riso così tanto nella mia vita.