Archive for febbraio 28, 2004

Ne ho le barche piene.

febbraio 28, 2004

ciocca_spalle.jpgNon avevo reagito più di tanto al Bollettino Nazionale che riportava le solite sparate di Ciocapiatti, questa volta da Atene. E’ terribile a dirsi, ma ci si assuefà a tutto. E stanotte, sull’autostrada da Bologna a Rimini, ricacciavo noia e sonno fuori, sotto il piovischio insistente, tenendo l’orecchio incollato alla diretta parlamentare: si chiama ostruzionismo quando tutti, proprio tutti i deputati dell’opposizione si iscrivono a parlare, per rallentare il processo di approvazione di una legge (in questo caso: un decreto d’urgenza su cui e’ stata chiesta la fiducia. Quale l’oggetto di tanta prescia? Il salvataggio di Re*e4).
Ascoltavo onorevoli dai cognomi sconosciuti, dalle cadenze insopprimibili, dalla sintassi più o meno progredita, collocare il proprio intervento in cima alla montagna di parole che ogni giorno riempe i granai della nostra democrazia istituzionale.
Ho pensato a quell’aula, a quei banchi.

(altro…)

Svalentescion

febbraio 14, 2004

cuoresipettina_th.jpg L’occasione per postare la parte più sdolcinata della propria produzione si presenta senza dubbio nei dintorni del vituperato S. Valentino.
In questi giorni, storditi dalla preponderanza di toni rosati e dalla forma cardiaca assunta da quasi tutti gli oggetti prodotti in occidente, si può passare quasi inosservati e, anzi, con un piccolo sovrapprezzo di ruffianeria, si rischia di far bella figura con amiche e “più che amiche“.
Non pensate troppo male. Il disegno che potete vedere cliccando il Cuore Che Si Pettina qui sopra, lo feci per un numero di un mensile molto 1986 (Lei, Condè Nast).
Credo fosse per un’uscita di tarda primavera, quindo lontana da cioccolatini e cupidi vari. Se non ricordo male, doveva corredare l’immancabile test a sfondo erotico, che in quel periodo veniva propinato continuamente e da chiunque, financo nei bollettini parrocchiali.

Pastelli a cera e matite Caran d’Ache, originale formato A4. Il piccolo muscolo rosso si pettinava e io, con i capelli dritti d’ordinanza, lo osservavo dalla finestra. Forse precognizzavo che il mio, di cuore, stava proprio in quel momento per prendersi una lunga vacanza su una delle lune di Urano, spedito lassù da un calcio ben assestato da chi, allora, ne possedeva tutte le password.

Oggi vorrei dedicare questo disegnino alle signore e signorine che incontro nella blogsfera, fatte di una misteriosa materia, differente da quella che ho la fortuna di abbracciare e baciare ogni giorno nella Casina Verde.

In particolare a Comida, Iuma, Mammina, Vesnuccia, Manu, Ndv, Encli, Stregabionda, Omiodiosonomamma, Spezzaincantesimi, Laura,vorrei augurare un S. Valentino “bersaglio” per ironiche freccette, scagliate assieme alle persone che amano di più.
E se vi piace, il Cuore dell’86 potete anche spedirlo come “valentina” elettronica, da qui. ;))


CLA_sanvaleico.gif Per restare in tema, ho riesumato alcune illustrazioni fatte per Clarence, sempre in occasione del 14 febbraio. Il “cittadino” di Clarence gradiva particolarmente la produzione di materiali esclusivi per la community, di conseguenza per ricorrenze particolarmente internettiane, mi impegnavo in disegni un po’ più elaborati.
Cliccate sulle miniature qui sotto per vedere bene i disegni.


Clarence
San Valentino 1999.

Clarence
San Valentino 2000.
Clarence
San Valentino 2002.

Spedisci questi disegni come cartoline, da Clarence.

Riattaccata la spina

febbraio 12, 2004

Ci abbiamo messo un po’ di tempo, ma ecco che le nostre giostrine riprendono il frullo. Riassumo tutto il luna park, con gli indirizzi vecchi o nuovi:
La Vonorace: lavonorace.robertograssilli.com
Grassilli Warehouse: warehouse.robertograssilli.com
Bendix: www.liaceli.com
Lino ei Mistoterital Foundation: http://www.linoeimistoterital.com.
…Ci si vede lì.

Net To Be del giorno

febbraio 9, 2004

473.gif
Ogni giorno su CLARENCE, la mia striscia quotidiana. Dalla pagina ufficiale puoi accedere all’archivio di tutte le strip arretrate.

La strip è uscita anche in forma cartacea, con una prima raccolta edita da HOPS libri di Milano. Per questo libruccio abbiamo fatto alcune presentazioni in librerie in giro per l’Italia: Milano, Firenze, Rimini, Roma, Bologna: un vero Net Tour Be!!

Cardionostalgìa

febbraio 6, 2004

Mantengo quanto promesso, rimetto in circolo, nel generoso sistema circolatorio della Rete, le canzoni restanti di quella singolare cassetta “Forza Italia” uscita in allegato a un nuomero di Cuore di dieci anni fa.
Questa spolverata sonora, suggeritami da Dolcemetà Liaceli, era stata fatta per opporre un minimo di resistenza (umana?) alle ipercelebrazioni di quel Club di Galantuomini, anch’esso giunto al decennio di anzianità.
Ma ancora una volta, l’unica scrittrice satirica italiana e il sottoscritto si sono trovati a constatare quanto quelle paginette verdi continuino a mancare ai sostenitori di allora e, inspiegabilmente, anche a lettori anagraficamente arrivati dopo la chiusura.
Ci sono domande che tornano con la regolarità dei condoni edilizi. Fra queste spicca la superclassica «ma perche Cuore ha chiuso?».
Forse è solo curiosità, ma insolitamente persistente dopo dieci anni, trascorsi i quali in genere certe esperienze editoriali vengono ricordate solo da addetti ai lavori e collezionisti. Io ci sento quel tono che si usa con gli amici, ad esempio con le metà esplose di una coppia di riferimento: “ma perchè vi siete lasciati?”.
Ecco, forse fra Cuore e i suoi lettori, più che una cessazione di forniture, si consumò un vero e proprio abbandono. E, a dirla giusta, col concorso di entrambe le parti, se è vero che la principale ragione che indusse l’editore Gianpaolo Grandi a interrompere precipitosamente le uscite durante il “week end dei morti” del novembre 1996, a metà dell’impaginazione di un numero mai arrivato alle edicole, furono le vendite ormai esigue.
Ma come ho già scritto a Iuma, autrice di un bel post-ricordo dedicato al settimanale voluto da Michele Serra e compari, sui miei-nostri sei anni di Cuore andrà scritto ben di più che questo piccolo commento. La mia notazione riguardava solo il limitato – ma sintomatico – tramestìo di reazioni piene di affetto causato da questi ultimi post. Fra coloro che domandano: “ma perchè non ne fate più di quelle cose lì?” (???), altri che rivorrebbero almeno l’indimenticabile Festa di Cuore di Montecchio, altri ancora che avviano una specie di gallery con la foto del tape in questione, brandito davanti al computer acceso o a una locandina di Kill Bill
Di Cuore tireremo fuori ancora tante cose, com’è giusto fare qui nel Magazzino. Intanto completate l’allegra cassettina, coi Mau Mau, Africa Unite e Claudio Bisio.

RITMO POLITICO” (Mau Mau – Africa Unite per Cuore, 1994) scarica l’ MP3
Il testo di “Ritmo Politico”.
ANCORA VOGLIA DI BISCIONE (reprise)” (Fiocco d’Avena – Rocco Tanica e Claudio Bisio non accreditato, per Cuore, 1994) scarica l’ MP3

Le precedenti trasfusioni:
LA VENDETTA DEL MULINO BIANCO” ( per Cuore, 1994) l’autore ha chiesto che l’mp3 venisse tolto dal server.
Il testo di “La Vendetta del Mulino Bianco”.
VOGLIA DI BISCIONE” (Rocco Tanica per Cuore, 1994) scarica l’ MP3
Il testo di “Voglia di Biscione”.

(altro…)

Bianco, bianco, biancooo…

febbraio 3, 2004

Viste le pressanti richieste, ecco un altro brano spippolato fuori dalla mitica cassettina allegata a “Cuore” nr. 162 del 12 marzo 1994. “La Vendetta del Mulino Bianco” fu il contributo di Radiogl*dio a quella mini-compilation di cui al post precedente.
Dice una voce da speaker nel testo: “ma questa è un’aggressione immotivata ad un prodotto dolciario sostanzialmente innocuo!“. Ed è quello che dissero anche i signori della Barilla telefonando alla redazione di Cuore. E’ un colpo basso -aggiunsero affranti- con tutta la fatica che abbiamo fatto per allontanarci dall’immagine troppo rampante che avevamo negli anni ’80…
Ma un po’ dovevano essersi diverti: il pezzo di Mess*na è proprio bello, in fondo mitizzava quel mulino ipereale. E per ciò che riguardava l’immaginario evocato in quegli spot bucolici, forse sentivano di non essere del tutto puliti. Dunque, niente cause contro Cuore (all’epoca gli unici che si arrabbiavano davvero erano, appunto, i marchi commerciali) e un generale “understatement” all’anglosassone. Pensate che succederebbe oggi. La cassetta forse uscirebbe senza sonoro, intimidita dalle minacce di Dell’U**i.

LA VENDETTA DEL MULINO BIANCO” (Radiogl*dio per Cuore, 1994) l’autore ci ha chiesto di togliere l’mp3
Il testo della canzone.