Archive for novembre 29, 2005

Voi si che vi divertivate, a Clarence/1

novembre 27, 2005

gennaefred.gif Link clarenciano della settimana: Gennacam.
Per sbelinare come si deve una tipetta, Gennycam appunto, che in piena internetmania stava tutto il giorno affacciata alla sua telecamerina (senza avere particolari titoli che giustificassero tanta insanità), Giuseppe Genna mette su un sitino parallelo, col supporto della redazione, che rappresenta, a mio parere, una delle vette artistiche di Clarence. Con derapamenti nel surreale puro e nella poesia onanista, Giuseppe crea un gioco di finti-veri automatismi, capaci di trattenerti inebetito per decine di minuti fra una chat in-indiretta e una galleria di mostruosi ospiti (nell’immagine: la visita di Fred Astaire al Sacripante della Rete, un tipo di Rete che oggi non c’è più). Incanto e soggezione.

Trame Pregiate & Vecchi Filati

novembre 23, 2005


A Bologna sta per aprire una nuova libreria, pimpante e speranzosa come deve essere una nuova libreria. Un negozio di libri che appare sul mercato è sempre una buona notizia, ovunque e dovunque succeda. Se poi lo spaccio di parole risulta, in qualche modo, sotto le insegne di LMT e dello storico Fancleb, la festa e’ doppia, tripla, onusta, zibibba.
Ecco i fatti: da una settimana la signora Nico “Mondadori” Maldini Nylon, con le socie Anna e Orsola, sta a testa bassa nei preparativi della sua nuova impresa in via Goito 3/C, Bo. In una tripudiosa mail ci informa che “i pavimenti sono rossi e lucidi (ma siamo già quasi assicurate), le pareti color crema… (e) scalpitiamo e ordiniamo libri tutto il giorno (ma abbiamo iniziato lo scorso giovedì e fra poco smettiamo, resterà un pochino di spazio per i visitatori)”
Il prossimo weekend sarà immolato al Divino Billy (la libreria bianca Ikea) e dopo… detto con la dovuta scaramanzia trifolata…
…dopo: dai primi di dicembre Bologna si arricchirà di “Trame”, la nuova libreria cetacea, ridondante, assolutamente da non perdere. Fansi Terital, amici Savoiardi del 3000, denigratori di Gandini, ecc…: siete tutti invitati a passare e portare i vostri omaggi.

La Giovane Urbino

novembre 22, 2005
La Giovane Università di Urbino compie gli anni
Disegno per la celebrazione del quinto secolo dell’università di Urbino.
Come vedete, c’è un errore marchiano, in seguito corretto.


Ecoline, Caran d’Ache, Stampante Hp. Novembre 2005
.


Chiamami Città

novembre 21, 2005

Vignetta 525 (chiamami città)

Per radicarmi nel territorio ed ambire, ancora una volta, ad essere una realtà locale, disegno periodiche vignette per il giornale riminese “Chiamami Città“.

Chiusa Situazionista

novembre 18, 2005

PAOLO: E il nostro Autore?
FLAVIANO: Ora capisco che non esiste nessun Autore o, per meglio dire, che ne esistono molti, una moltitudine -infinita; quindi la nostra storia non era una sola, ma tante. Anche noi siamo finzioni e il nostro significato complesso e sottile è emerso dalla semplice materia, dalle origini più umili. Siamo un pensiero che, in un istante, ha attraversato una mente; un gesto che quasi non merita spiegazioni.
MANU: Devo abbandonare questa visione?
ROBERTO: Solo se desiderate tornare a vivere tra gli uomini.
MANU: E’ una scelta difficile.

TUTTI IN UNA SORTA DI CADENZATO CORO LOGICO:

Ciò che abbiamo taciuto

ora trova espressione.

Le parole non sostituiscono più il pensiero.

Linguaggio e significato

Sono vuote intenzioni;

Complessità emergente, elevaci!


Così si chiudeva la parte di intervento che ci riguardava, ieri sera a Pescara: uno sbilenco “coro greco”. Tanto per darvi un’idea del clima. Poi Manu “Mardin”, Flaviano “Herzog“, Paolo Ferri e il sottoscritto si sono alzati dal tavolo della conferenza e sono andati a mangiare il maiale ubriacato. L’umidità urbana era attorno al quattrocento percento. Serebbe andata a finire male senza la giusta pressione di Loredana “Lipperatura“, che ha richiamato la truppa al programma e all’orologio. A lei, a Giuseppe “Blog Notes” e Filippo La Porta toccava la tornata successiva, di cui un denso riassuntino laggiù nel di Essa blog. Tiziano Scarpa ha concluso con parole sue, lette al par suo, divertenti e in grado di mantenere l’attenzione quando ormai si doppiava la mezzanotte. Come un anguillone sotto farmaco sono poi scivolato verso il letto, attraversando, con Granieri, un corso pescarese sospeso fra lavori di arredo urbano a perdita d’occhio. Dal meritorio Festival insomma, mi sono portato a casa molte parole utili, alcuni segni, occhi intelligenti, e in particolare lo Scuiattolo di Tiziano Scarpa e i testi di Manuela, belli quanto la loro interpretazione sonorizzata.

Il 17 sarò alle Corde

novembre 7, 2005

ASSESSORATO ALLA CULTURA
Città di Pescara
festival delle letterature duemilacinque
16-20 novembre, museo colonna, pescara

giovedì17novembre: CORDE
di segni, di versi, di geni, di bit
bit
ore18 bite the bit
letture di blog in blog
a seguire reading di claudia bada
ore18e30 troppe volte zero, baby, non vuol dire uno
lettura musicata su testi di manuela ardingo
geni
ore19 codici di scritture (in)visibili
con flaviano fillo e roberto grassilli
a cura di manuela ardingo e paolo ferri
ore19e45 toilette papers
istallazione cura di no hay banda
ore21e30 la rete e la democrazia letteraria
dibattito con giuseppe granieri e loredana lipperini
coordina filippo la porta
versi
ore22e30 groppi d’amore nella scuraglia
lettura scenica di tiziano scarpa
seguirà un incontro con l’autore
segni
in occasione di corde verrà allestita un’esposizione dei disegni di roberto grassilli
IL PROGRAMMA COMPLETO DEL FESTIVAL

Pierpaolo Pasolini 1975 – 2005

novembre 2, 2005

isolaw.jpgL’Italia sta marcendo in un benessere che è egoismo, stupidità, incultura, pettegolezzo, moralismo, coazione, conformismo: prestarsi in qualche modo a contribuire a questa marcescenza è, ora, il fascismo.
Non occorre essere forti per affrontare il fascismo nelle sue forme pazzesche e ridicole: occorre essere fortissimi per affrontare il fascismo come normalità, come codificazione, direi allegra, mondana, socialmente eletta, dal fondo brutalmente egoista di una società
“.

Pier Paolo Pasolini,
Vie Nuove n. 36,
6 settembre 1962


Un soldino per il Radiolino

novembre 1, 2005

La questione è semplice. Molto semplice. Il server costa 3500€ i diritti RIA e quelli SIAE si aggirano intorno ai 500€ per canale. E RadioNation ne ha quattro di canali. Condivido la posizione di Gianluca che ritiene che per essere liberi davvero non si debba ricevere soldi da altri se non da quelli che ti vogliono, se lo vogliono. E cioè tutti i retaioli che si godono RadioNation, Macchiaradio ecc… Offerta libera, liberissima, anche zero – che se non si raggiunge la quota non cambia niente perché pagare si paga lo stesso e trasmettere trasmetteremo comunque. Ma sarebbe un bel gesto. Un soldino per RadioNation. Rendi la tua radio libbbbera verameente :)

Un soldino per RadioNation
Un soldino per
RadioNation

Rendi la tua radio
libera veramente!