Archive for 30/04/2010

Una giornata come questa

29/04/2010

Una giornata come questa la associo a gioiellini sonori come Penny Lane, con la sua esplosione luminosa di cieli suburbani, Poi anche alla mia finestra da ragazzo, con la vita incontenibile che senti e non vedi, subito oltre il parapetto, e stai lì ad ascoltare con una specie di languore che ti impedisce di muoverti. Insomma, oggi per me è una giornata da
Dopo Medicina / Su per la Collina
.

Net to Be nr.574

27/04/2010

netobe574_010.gif

26/04/2010

lunedì, 10 maggio 2010 – 17:30 – 19:30

SGRUNT! Carta e bit al servizio dell’open culture

Palazzo delle Stelline – Sala Leonardo

Corso Magenta, 63

 

Una tavola rotonda sui fumetti, gli autori e il confronto tra i media: la “carta” e la “rete”.

Si parlerà di come il mondo dei fumetti il mondo dei fumetti (sia di carta che sul web) si sta confrontando con il mondo “open” ovvero quello delle licenze libere e con la diffusione dei fumetti, spesso gratuitamente fruibili, sulla rete.

“Open”, “free” e “gratis” sono una minaccia o un’opportunità? Come si confrontano autori ed editori con i nuovi scenari aperti dalla rete? Cosa cambia nel rapporto con i fumetti cartacei? Com’è cambiato il mondo dei fumetti negli ultimi anni?

Wikimedia Italia ha raccolto la disponibilità di autori, editori ed esperti a confrontarsi su questi temi.

Partecipano:

  • Matteo Stefanelli, ricercatore presso l’Università Cattolica di Milano
  • Lucio Staiano, co-fondatore di Shockdom, editore
  • Antonio Serra, autore di Nathan Never*
  • Riccardo Secchi, autore e sceneggiatore
  • Raffaella Pellegrino, avvocato, autore di “Il fumetto, opera composta”
  • Lido Contemori, autore*
  • Max Olla, coordinatore del progetto Balloons
  • Roberto Grassilli, autore
  • Stefano “Kaneda” Gargano, autore
  • Persichetti Bros, autori

Moderatore: Andrea Plazzi, traduttore e saggista

* (in attesa di conferma)

20/04/2010

Restauri: Official Beatrice Lynn, (27 anni) di Guiyang, Senior Project Manager alla Immanet

Ne To Be nr.573

19/04/2010

netobe573_10.gif

Disegni per le scale

15/04/2010

ci ho rimuginato su per anni, poi solo in ‘sti ultimi giorni mi ci sono messo e un po’ ogni sera ho scarabocchiato sui muri di casa. La motivazione originaria: gli artigiani trascurarono di mettere il battiscope sulle scale, quando ci trasferimmo nella Casina Verde. Ora resta da pastrocchiare l’altra rampa. Tempere su muro, 2010.

Intervista su Persone&Conoscenze (febb.’10)

13/04/2010

Fumetti e disegni per raccontare l’azienda

Intervista a Roberto Grassilli

a cura di Valentina Orlandi
UID333UYH588Raccontare l’azienda attraverso immagini e strisce fumettistiche: compito non da poco, come ci racconta Roberto Grassilli, disegnatore e fumettista, nonché ideatore delle copertine di Persone&Conoscenze. Gli abbiamo chiesto come si può tradurre in immagine un contesto aziendale o un problema organizzativo. Come è possibile, attraverso una striscia fumettistica, raccontare i cambiamenti in ufficio e le difficoltà quotidiane? Roberto Grassili ci ha raccontato la sua esperienza in Clarence, spiegandoci come spesso basta evidenziare una situazione che si vive in azienda per trovare un lato umoristico e divertente. Imparare a ridere di sé, del resto, non può che giovare a tutti ed essere spunto per migliorarsi.
Roberto, può spiegarci come si traduce in immagine un problema organizzativo?
Non sono un dirigente ma ho ricoperto diversi ruoli di responsabilità all’interno di un’azienda e ho dovuto trovare una vita di mezzo tra questo ruolo e quello di disegnatore e grafico. Per chi è abituato a ragionare per immagini, il passaggio da un problema che si pone a una figurazione dello stesso si mostra abbastanza automatico. Pensando a una difficoltà, è semplice vedere già la soluzione visiva.
Può farci degli esempi?
Il punto in cui il problema si risolve con un’immagine non è un processo semplice da raccontare. Spesso è un’intuizione. Agli albori di Internet in Italia, abbiamo lavorato sulla rete e da pionieri del web abbiamo trovato un modo per ideare una sorta di segnaletica. Mi riferisco alle icone che si trovano sui siti e che permettono di navigare. Abbiamo ideato un modo per guidare la scansione e la lettura della pagina, permettendo di passare ad altri contenuti e link e facendo in modo che la grafica riuscisse a suddividere i contenuti. Si è trattato di un problema pratico e organizzativo che mi sono trovato ad affrontare senza avere molti precedenti in merito.
Per Clarence, invece, mi occupavo di eventi e marketing, ma si trattava di un nuovo ambiente di lavoro, dove era necessario reinventare tutto. In questo frangente il mestiere di fumettista mi è venuto in soccorso quando si è trattato di raccontare e sdrammatizzare quanto stava accadendo in quel periodo lì, e mi riferisco agli
anni della new economy. (segue)

(altro…)

Poster

12/04/2010

Roberto Grassilli una manifesto disegnato 25 anni fa per il mio comune (Saint Piìr in Caseèl). Tempere, o tempora…

12/04/2010

A Rimini se sorridi troppo a lungo ti parcheggiano sulle gengive.
Che poi sarà come in tutte le altre città italiane (ferme con la “testa” agli anni ’50) col loro bravo traffico insensato. La variante più bella qui la osservo alla mattina, con giovani signore che guidano telefonando e fumando in contemporanea. Buona vita a tutti.

11/04/2010

Mister Heartbreak, il 2° album di Laurie Anderson, il 1984 e l’illusione che da lì in poi si sarebbe potuti essere tutti nuovi, fighi, smart. Con quel briciolo di distacco plasticato così newawe.

08/04/2010

Solo tre minuti, ma pregni, tratti da una vhs di famiglia (Celi Grassilli). Mostra il sotterraneo dell’Unità di Milano e il gabbiotto che costituiva la prima sede di Cuore-settimanale, al cui interno si agitano: Lia Celi, Alessandro Robecchi, Andrea Aloi, Carlo Marulli, Piergiorgio Paterlini, Michele Serra. Alla telecamera e mac (uno degli unici due presenti all’inizio) Roberto Grassilli. Si intravedono anche il Tato” Banali, le segretarie Maura Motti e Carla Falato e persino l’amministratore Jerry” Varanini. Attimi di vita redazionale, documento inedito.

Caccia alle Uova 2010

06/04/2010

Alle Sorelle Grassilli quest’anno, gli indizi necessari a mettere le mani sulle uova di cioccolato, li hanno forniti nove balenghi professori. Mattinata pasquale di filmatini improbabili ed enigmistica spicciola ma dolci e risate, alla fine, sono stati garantiti. Eccovi un breve trailer dell’avvenimento.

experto maximo

05/04/2010

Benzina a 10 euro in più ogni pieno. Se, come pare sia, il problema e’ il prezzo alla pompa, lo risolva Silvio, experto maximo nel settore.

Rotonde

03/04/2010

Il parente putrefaccia reazionaria che infesta i pranzi delle feste, nella sua accezione romagnola, ama prendersela con le rotonde.”Un ostacolo! Bisciogna favorire la cirolasione, i movimenti dei citàdini!”. Io sogno invece rotonde selettive: nel caso dei parenti putrefaccia dovrebbero catturarli in un loop infinito, da cui non possono più uscire

Glad Påsk till alla!

02/04/2010

Non so se è rassegnazione, forse solo una presa d’atto: vivo e faccio vivere la mia progenie, da quasi vent’anni ormai, nel Paese delle Putrefacce. In attesa di darcela a gambe per qualche morso di vacanza, in attesa che le ragazze e il piccolo siano in grado di andare a cercare vita lontano da qui e in occasione della Bolsa Pasqua, ecco un viaggio che vado a re-intraprendere: l’isolotto nel mare blu, la stradina che porta giu.
Vacanze all’Isola dei Gabbiani” l’ho letto trentasette anni fa, ma il volume è ancora nelle mie mani. In seguito al pellegrinaggio dello scorso anno a Vimmerby, paesino natale dell’Astrid in questione, alcuni venerabili Vallecchi e altre edizioni più recenti hanno reclamato attenzione, dopo decenni di silenzio.
Rileggo raramente, al contrario di mia moglie, ma in questo caso ho sentito qualcosa che mi chiamava. Una sirena, un tono salmastro che ti cattura appena volti la copertina rigida e arancione. Con le api che fanno bzz… Ed il cane che fa bu bu.
Lo lessi durante una varicella, la serie in tv l’avevano appena trasmessa sulla Rai e il cane Båtsman (Nostromo) era anche il cane mio e di mia sorella, il signor Melkersson era un mito di casa nostra. Dopo tanto tempo scopro che è più facile che mai: prendo il battello Gabbiano I, “una piccola nave decisa ed energica” e prima di notte sono alla Vecchia Falegnameria. E da lì chi le sente più le Putrefacce? Glad påsk till alla! Buona Pasqua a tutti!

Anche oggi

01/04/2010

Anche oggi a dar giù contro l’aborto. Si convinceranno ‘sti prelati che le donne son le prime a volerne stare alla larga? O è solo paura che venga a scarseggiare la materia prima?