Archive for 12/06/2015

Poveri Bimbi

12/06/2015

M’avessero detto che un giorno i bambini non avrebbero più potuto incontrarsi. Me l’avessero detto ai tempi del mio cortilaccio semi-asfaltato, che cercavamo di contendere, io e gli altri cinni del caseggiato, ai gerani della signora del negozio di elettrodomestici e alle poche auto parcheggiate; (o meglio): m’avessero raccontato che in un futuro non lontanissimo, i contatti fra bimbi sarebbero stati subordinati ad accordi via chat, trasbordi infiniti su grosse camionette, complesse diplomazie fra genitori divisi fra loro ma anche all’interno di loro, laboratori, corsi, tripli tempi-pieni carpiati. E poi: nonni di turno obbligatorio, traversate di centri commerciali oceanici, saggi atemporali di fine corso-laboratorio-scuola e, naturalmente, IPERCOMPLEANNI medium, large ed extralarge.
Me l’avessero detto avrei costruito un game elettronico, un supermariobros con i lego e il pongo e avrei iniziato a drogarmi di quello, escludendomi da tutto, cancellando via via il mondo di questi adulti di merda.

900_areplanini

Editto #2353

06/06/2015

con effetto immediato il DucaSindaco di Rimini dispone e impone che nelle aree pertinenti al Centro Storico la scritta “rimining” venga sostituita dalla qui presente in foto.
Ciò al fine di rendere chiaro a coloro che continuano a pretendere di parcheggiar la loro 1100 scampata al maggio francese (o il loro suv) davanti al salumiere, per fare la spesa come negli anni ’50, dov’è che devono recarsi senza indugio.

11412276_449855111844262_2771151869731431933_n#myrimini#raccontaRimini

Mio babbo fava i mattoni

06/06/2015

Il recupero e riadattamento dello storico Cinema Fulgor di Rimini a cineteca/fondazione Fellini/due sale di proiezione, procede. Passando sul retro però, l’effetto spelonca è più o meno sempre lo stesso, da due anni in qua. Evidentemente i lavori nei primi 2 metri di profondità dello stabile, sul davanti, hanno richiesto tanto, tanto tempo.
Percorrendo il Corso più volte ogni giorno, mi sono deliziato ascoltando sinfonie di trapani, quartetti di martelli pneumatici, a-solo di mazza e scalpello. Talvolta quindi, ingolosito da tanto fervore, aggiravo il cantiere e sbirciavo i progressi da qualche strappo sulla rete di protezione.
Niente: spelonca.
Probabilmente questo é quel genere di lavoro la cui conclusione s’addenserà di colpo, un certo giorno, in pochissimi minuti. Attendiamo fiduciosi quel momento spettacolare. ‪#‎myrimini‬ ‪#‎raccontaRimini‬

11355590_10153052459553227_616407692_n

Spremute

06/06/2015

Orribile a Milano: Foody investito da un mezzo di servizio di ‪#‎Expo15‬
22789_10153050666593227_4429576886593612843_n

And these mem’ries lose their meaning

05/06/2015

Decine di articoli sui Beatles conservati in una cartella che si é riempita piano piano, fino a una quindicina di anni fa. È stato molto tenero tutto ciò. Grazie. Bye.

11401020_10153051428388227_4538027013420300571_n

05/06/2015

Il tentativo di riequilibrio karmatico di oggi é consistito nel far passare avanti un vecchietto in coda dietro di me alla cassa del Conad.

05/06/2015

Ho deciso, davanti alle piccole quotidiane esibizioni di arroganza, di non soffrire più ma anzi, di contribuire al riequilibrio del karma. Quantomeno la porzione nei 500 mq che mi circondano. Cerco di fare al più presto una “buona azione”.
Stamattina, per esempio, è stato molto semplice.

11393265_10153048974193227_5754548277879633193_nPorto pargoli in questa scuola da 12 anni, i tentativi di sensibilizzare sono ovviamente partiti da là dentro. Poi ci abbiamo provato con i vigili. Con loro ho raggiunto la vetta del sublime quando una vigliessa mi ha detto: “sì, ha ragione, così non va bene, ma anche loro, fare una scuola così in pieno centro storico! (l’istituto credo sia lì da un centocinquant’anni buoni).
In fin dei conti, un paio di paletti per inibire la sosta, giusto davanti al cancello, il comune poteva metterli e finiva lì. Ma chissà quali taciti patti del tipo “non svegliar l’elettor che dorme“…
La sordità é totale, in nome del principio nostrano non scritto, per cui le regole sono QUASI regole e una mano lava l’altra e “Oh dì… lé isé” (accento di qua).
E oggi, per dire, sono partito postando la foto prima nella chat whatsapp dei miei colleghi genitori, gli altri che hanno i bambini in questa scuola. La reazione é stata il silenzio tranne un paio di voci che hanno detto “beh… si.. ma solo due minuti… ci vuole pazienza.” Anni e anni di pazienza, per quel che mi riguarda e i modi sono sempre peggiorati. Il cambio di mentalità, quello che ci avvicinerebbe a certa Europa che ammiriamo solo quando sta dentro a Report, ma non riusciamo ad adottare quando ci riguarda da vicino, lo deleghiamo ormai alla prossima generazione.
E quindi adesso, scusate, penso al mio fegato e al karma (camillo).

Fumo persistente

03/06/2015

Volete sa11377377_10153049647563227_4331010280336124432_npere qual’é una impresa eroica? Questa é una impresa eroica. FUMO DI CHINA, 238 numeri all’attuale maggio, anno XXVII in edicola (trentasette anni di esistenza), senza perdere smalto e qualità. Complimenti, altroché.

01/06/2015

Festa di fine anno scolastico alla scuola primaria di Orlando.
Questa volta ho disegnato l’elefante simbolo della casata dei Malatesta.11100566_10153046086533227_758628742_n