Archive for the ‘MOSTRE, FESTIVAL’ Category

Cesena Comics III

11/11/2011

per una ragione o per l’altra nelle prossime tre sere sono a Cesena Comics & Stories a disegnare. Oggi c’è “E’ PRONTOOOOO…” (live performance e allestimento della mostra in tempo reale, ore 20,30) ci sono gli autori ospiti del festival. Credo disegneremo cibo dell’anima e/o dell’animaccia vostra sulle tovagliette del Caffè Zampanò, (Corso Garibaldi 52 Cesena). Subito dopo Marcel Duchamp in persona le toccherà, legittimandole quali opere d’arte.
Ci venite? E’ gratis, è un momento altissimo, vi beccate anche il cantautorato illogico d’avanguardia post-dadaista de Il Duo Bucolico
(Aperitivo in collaborazione con Slow Food Cesena).

BloggHonoré

02/09/2011

Grazie ad amiche/amici per averci inseriti nel giocone annuale degli MBA – Macchianera Blog Awards 2011. Quest’anno mi trovo ricandidato nella categoria “Miglior disegnatore / vignettista attempato” (skerzo ;)). Mi pare di esserci già stato due o tre volte e questo è bellissimo perchè forse mi rende papabile anche per il ruolo di merylstrip dell’internet italiana 😉

Sono altresì contento del fatto che Lia, la mia maritissima,  è nominata in due categorie: “Miglior post o articolo dell’anno” e “Miglior tweeter italiano“. Curiosamente, oggi che è il nostro anniversario dello sposalizio 😉

Il Misfatto e la nuova leva della satira

18/06/2011

Il Misfatto è giunto a Bologna, in occasione delBiografilm Festival, dando così vita a un incontro con i lettori che si è rivelato una vivace rimpatriata tra autori satirici, illustratori, disegnatori e, soprattutto, amici di vecchia data. Roberto Grassilli, mattatore dell’evento, ha tenuto a battesimo la prima presentazione ufficiale dell’inserto satirico del Fatto quotidiano che vede al timone Stefano Disegni, accompagnato  in questo caso da Lia Celi, Andrea Aloi e Riccardo Mannelli. Grazie al Biografilm Festival e a Andrea Romeo per averci invitato. L’estate è appena cominciata, molto presto ci saranno altre occasioni per poter parlare, ridere e brindare alla salute della satira, quindi, non perdete di vista il Misfatto anche su Facebook.

weekend ricco di pagine

20/11/2010

Un catalogo, con la tavola realizzata per in Ladakh, battuta all’asta di beneficenza per 120 euro (non male, era pur sempre una stampa, seppur realizzata appositamente). Un libro, all’attenzione dei media in questi giorni, con tutti i Beatles a fumetti che Fabio Schiavo è riuscito a scovare, compreso il mio, uscito in una antica edizione di AlterAlter, 1984. Mai capitatomi prima, questo fine settimana di riconoscimenti a mezzo stampa mi danno una leggera vertigine. Leggera.

15/11/2010

Drink and Draw: ieri sera al Maison Lulu abbiamo disegnato e bevuto e ciacolato e salutato questa riuscita edizione di Cesena Comics & Stories!
5 ore fa · Mi piace · Commenta

POLYTHEME PHIL (Phil a piu’ temi)

14/11/2010

Lo sapevo, ma me lo sono ribadito: LMT erano (sono?) una band a fumetti.
Oltre all’inevitabile e a volte involontaria comicita’ non dimentichiamo che ogni membro del gruppo e’ sempre stato dotato di una doppia identità. Qualcuno li ha visti a volte entrare nella fatidica cabina telefonica per mettersi il costume da Teritals.
Ognuno aveva pero’ i superpoteri dell’altro e non capiva come usarli!
Con queste premesse, non mi sorprende quindi che il binomio Phil Anka/Roberto Grassilli abbia fatto la sua apparizione nell’ambito di Cesena Comics, grazie all’incauto invito di Elisa Rocchi e della sua gang di organizzatori.

Edgardo Glabro


(altro…)

10/11/2010

dunque Cesena è piena di magiche maestre che alla sera vanno ai corsi di fumetto. Qui a Rimini l’amica libraia Serena s’è sentita rispondere da una insegnante “io sono contraria ai fumetti”.

Me la canto e me la chiacchiero

08/11/2010

“Serata di esibizionismo garbato, comprensivo di canzonette e incontro con l’autore Roberto Grassilli / Phil Anka”.
Due Teritals hanno deciso di accompagnarmi con le guitarre, dunque questo appuntamento cesenate rischia di rivelarsi eccentrica anzichenò:

Roberto Grassilli & Pards fra disegni, rock e internet
Luogo: Nero su Bianco, corte Dandini 18, Festival Cesena Comics & Stories
venerdì 12 novembre 2010 ore 20.00

in Ladakh – Pictures and Comics

03/11/2010

ladakh2010_astaUn gruppo di Dei inefficaci, atterriti, spauriti, superflui, brancola fra le macerie del disastro che non è stato in grado di impedire. Queste grottesche divinità devono consegnare la dichiarazione di fallimento all’ufficio predisposto in cima alla collina.
Disegno realizzato con tavola elettronica Wacom. Stampato in 5 copie numerate esclusivamente per in Ladakh – Pictures and Comics, mostra di fotografie e tavole originali per raccontare un viaggio difficile e terribile nelle terre sconvolte dal disastro.

Ex-Pescheria di Cesena, via Pescheria 23, Dal 30 ottobre al 7 novembre.
Ogni coppia (fotografia+tavola disegnata), ispirata alla fotografia ed espressamente creata per il progetto “In Ladakh”, sarà messa all’asta durante INEED X Ladakh il 20 Novembre presso Studio SENAPE, Via Cavalcavia 242, Int 2 a Cesena
.

09/09/2010

Ascolto il Festival su Radio3 in diretta da Mantova. Lella Costa, sulla parola “ironia”, quando prende come esempio “Manhattan” so cosa sta per dire, a quale scena farà riferimento. E ha ragione, mille volte ragione: l’ironia non è italiana. l’ironia può, sorprendentemente, essere commovente. L’ironia è inglese perchè è anche un’arma (iron, irony).

Michael and Me

12/06/2010
Biografilm Festival 2010

Incontrare Michael Palin in persona, pranzare assieme al Biografilm Festival, chiacchierare un po’ con lui di Cuore e satira e Peter Sellers: Tutto questo si avvicina molto alla mia idea di giornata ideale.

26/04/2010

lunedì, 10 maggio 2010 – 17:30 – 19:30

SGRUNT! Carta e bit al servizio dell’open culture

Palazzo delle Stelline – Sala Leonardo

Corso Magenta, 63

 

Una tavola rotonda sui fumetti, gli autori e il confronto tra i media: la “carta” e la “rete”.

Si parlerà di come il mondo dei fumetti il mondo dei fumetti (sia di carta che sul web) si sta confrontando con il mondo “open” ovvero quello delle licenze libere e con la diffusione dei fumetti, spesso gratuitamente fruibili, sulla rete.

“Open”, “free” e “gratis” sono una minaccia o un’opportunità? Come si confrontano autori ed editori con i nuovi scenari aperti dalla rete? Cosa cambia nel rapporto con i fumetti cartacei? Com’è cambiato il mondo dei fumetti negli ultimi anni?

Wikimedia Italia ha raccolto la disponibilità di autori, editori ed esperti a confrontarsi su questi temi.

Partecipano:

  • Matteo Stefanelli, ricercatore presso l’Università Cattolica di Milano
  • Lucio Staiano, co-fondatore di Shockdom, editore
  • Antonio Serra, autore di Nathan Never*
  • Riccardo Secchi, autore e sceneggiatore
  • Raffaella Pellegrino, avvocato, autore di “Il fumetto, opera composta”
  • Lido Contemori, autore*
  • Max Olla, coordinatore del progetto Balloons
  • Roberto Grassilli, autore
  • Stefano “Kaneda” Gargano, autore
  • Persichetti Bros, autori

Moderatore: Andrea Plazzi, traduttore e saggista

* (in attesa di conferma)

The moscio must go on! Bollettino da un Festival coi fiacchi

19/02/2010

di Lia Celi:http://www.liaceli.com

Terza puntata

– Terza serata, dedicata all’inevitabile celebrazione dei festival del passato, in pratica la Commemorazione dei Defunti nel settore cantanti. Momento clou, l’apparizione di Nilla Pizzi, che ha mantenuto la stessa voce degli anni Cinquanta, ma a causa dei 91 anni e dei postumi di un ictus, parla come Loredana Bertè. Tuttavia l’evidente smarrimento della leggendaria cantante non era dovuto tanto all’età, quanto all’impressionante somiglianza di Antonella Clerici con la sua eterna rivale, Flo Sandon’s, scomparsa nel 2006. La Pizzi le ha chiesto l’indirizzo del suo imbalsamatore.
– Momento di imbarazzo quando la regina di «Grazie dei fior» si è congedata dal pubblico rivelando il segreto della sua longevità. «Fumo crack tutti i giorni. Fa benissimo, è un ottimo antiossidante, lo usava anche Nunzio Filogamo.»
– Il segreto del nuovo vigore del Festival ha un nome. Non Antonella, ma Francesca, l’ormai celebre massaggiatrice del Salario Sport Village. La chiropratica è stata chiamata a rivitalizzare col suo tocco magico lo share di un Festival sessantenne che negli ultimi anni ha fatto spesso cilecca. «Una faticaccia,» confessa Francesca, «nemmeno Bertolaso mi chiedeva di rivitalizzarlo per quattro ore filate».
– Clamoroso rientro di Emanuele Filiberto, il cui ripescaggio a Sanremo rappresenta a tutt’oggi la più limpida e gloriosa impresa di casa Savoia dopo la battaglia di Zenta del 1697, in cui il generale Eugenio di Savoia sbaragliò i turchi sul fiume Tibisco grazie a una spettacolare imboscata. Gli storici osservano che Eugenio, rispetto al suo discendente, aveva il vantaggio di non essere affiancato da Pupo e da Luca Canonici, nel qual caso i turchi sarebbero dilagati in Austria, vista l’impossibilità, all’epoca, di ripescare Eugenio col televoto.
– Esplode il caso Jessica Brando, la quindicenne che non ha potuto esibirsi dal vivo dopo la mezzanotte, in conformità alla legge «Cenerentola», che obbliga le belle fanciulle a tornare a casa vestite di stracci all’ultimo rintocco della mezzanotte. Stamattina Emanuele Filiberto ha bussato alla porta del suo albergo per restituirle la scarpina di cristallo ritrovata sulle gradinate dell’Ariston, ma la ragazza si è messa a urlare.
– Nuovi guai per J. K. Rowling, accusata di aver copiato la saga di Harry Potter da «Le avventure del mago Willy», di Adrian Jacobs, uno scrittore dilettante australiano. In effetti il romanzo di Jacobs mostra sorprendenti analogie con la vicenda del maghetto più famoso del mondo, compreso il finale, in cui Harry si presenta al Festival di Sanremo travestito da donna, con lo pseudonimo di Arisa.

(altro…)

andate e performatevi tutti

15/09/2007

4478.jpgVELVET FACTORY Space for the Arts
Inaugurazione stagione 2007/2008
LA CITTA’ CREATIVA

dalle ore 19:00 : aperitivo, progetti, proiezioni, incontri
Mostra di Francesco Bocchini e Franco Pozzi – con un testo di Alessandro Giovanardi
Software Freedom Day 2007 – a cura di RiminiLUG
Musique d’ameublement – stanze sonore a cura di Sandro Pascucci
Rimini Atlas – una mappatura open source della creatività
Disegnatori-reporter documentano in tempo reale l’opening – a cura di Roberto Grassilli
Libreria Indipendentemente Interno 4
Azienda Ausl Servizio Dipendenze Patologiche – Daniela Casalboni
++ ore 21:00 : performance
design, architettura, musica, video, cinema,
disegno, fashion, parole, radio in un happening
nello spirito di John Cage con: Daniele Aluigi,
lack Fanfare, Francesco Bocchini, Cristiano
Carloni e Stefano Franceschetti, Lia Celi,
Antonio Coatti, Martino Colicchio e Tiziano
Paganelli, Cesare Comandini, Andrea Alessandro Di
Carlo, Emanuele Dini, Gabriele Frasca, Alessandro
Giovanardi, Roberto Grassilli, Il laboratorio
dell’imperfetto, Vittorio Liberti, LPNL, Luca
Magi, Eva Montanari, Monica Moroni, Claudia
Muratori, Roberto Paci Dalo’, Giulio Partisani,
Sandro Pascucci, Franco Pozzi, Velvet Video
Vibes, Sabrina Zanetti, Fabrizio Zanuccoli/
AzioneGradoZero, Cinzia Zavoli

(altro…)

15/09/2007

4478.jpgVELVET FACTORY Space for the Arts
**Inaugurazione stagione 2007/2008
LA CITTA’ CREATIVA**
++ dalle ore 19:00 : aperitivo, progetti, proiezioni, incontri
Mostra di Francesco Bocchini e Franco Pozzi – con
un testo di Alessandro Giovanardi
Software Freedom Day 2007 – a cura di RiminiLUG
Musique d’ameublement – stanze sonore a cura di Sandro Pascucci
Rimini Atlas – una mappatura open source della creatività
Disegnatori-reporter documentano in tempo reale
l’opening – a cura di Roberto Grassilli
Libreria Indipendentemente Interno 4
Azienda Ausl Servizio Dipendenze Patologiche – Daniela Casalboni
++ ore 21:00 : performance
design, architettura, musica, video, cinema,
disegno, fashion, parole, radio in un happening
nello spirito di John Cage con: Daniele Aluigi,
lack Fanfare, Francesco Bocchini, Cristiano
Carloni e Stefano Franceschetti, Lia Celi,
Antonio Coatti, Martino Colicchio e Tiziano
Paganelli, Cesare Comandini, Andrea Alessandro Di
Carlo, Emanuele Dini, Gabriele Frasca, Alessandro
Giovanardi, Roberto Grassilli, Il laboratorio
dell’imperfetto, Vittorio Liberti, LPNL, Luca
Magi, Eva Montanari, Monica Moroni, Claudia
Muratori, Roberto Paci Dalo’, Giulio Partisani,
Sandro Pascucci, Franco Pozzi, Velvet Video
Vibes, Sabrina Zanetti, Fabrizio Zanuccoli/
AzioneGradoZero, Cinzia Zavoli

(altro…)

Ci sta anche Cervia

21/08/2007

cover-definitiva_800.jpgSlittando in avanti la prevista vacanza della Casina Verde al Completo, mi trovo disponibile per un’altra presentazione di Tutti al Mare…. Quindi giovedi 23 andrò ad infastidire Luca e Ivano (leggi di seguito) a Cervia. Questa volta siamo nell’ambito di “Aperitivo con l’autore”, (Libreria Mondadori in collaborazione con il Ristorante “Ligio”).
“Si inizia alle ore 19 proprio nel ristorante di viale Roma 83, dove il giornalista e scrittore Luca Bottura presenterà il libro “Tutti al mare. Vent’anni dopo” (Alberto Perdisa editore), un reportage, modificato e integrato, dello stesso viaggio che l’amico Michele Serra intraprese, vent’anni prima, da Ventimiglia a Trieste alla guida di una Panda, dal quale ne uscì un ritratto indimenticabile dei nostri anni Ottanta.
Tutti al mare. Vent’anni dopo” è un libro spassoso e amarissimo, un resoconto implacabile che pone il lettore di fronte alla scontata sia pur durissima realtà. Il libro è illustrato da Roberto Grassilli e contiene una prefazione di Michele Serra. All’appuntamento cervese sarà presente l’attore Ivano Marescotti“.
Info: Libreria Mondadori tel. 0544/974491

Pavesini

09/06/2007

biografilm2007.jpgE quest’anno, in regalo nella confezione del Biografilm Festival di Bologna, il pupazzetto di "Grassilli Assessore di Clarence City" (l’anno scorso c’era “Grassilli Disneiano” e l’anno prima ancora “Grassilli Astronauta”).



L’ordine della Coccoina

15/12/2006


Oggi pomeriggio vado qui. Se siete in vena di celocelomanca, se sarete fra la Via Emilia e il West, se non avete mai trovato il Feroce Saladino, se la foto di Cuccureddu vi faceva ridere, ci troviamo a Modena, a Palazzo Santa Margherita.
Portate la vostra confezione di Coccoina con regolamentare spatola.

Biechi Blu

20/11/2006

gallierablu_fuori.jpg
banalogo.jpgMentre si, dobbiamo arrenderci al fatto che anche loro hanno un blog, i veri e unici Banaloidi dei gastrici anni ’80, mentre appunto vi rendiamo noto questo fatto che lascerà il web tale quale la fogna che è, ne approfittiamo per segnalarvi l’ottimo reportaggio che essi, i Banalforse appunto, hanno stilato a tempo record sull’inaugurazione della mostra alla Galliera Blu di Bologna.
Di questa esposizione collettiva di ben 25 illustrieri italiani, ce ne cale perchè: 1) c’è un disegno di Phil Anka firmato però da Grassilli, 2) c’erano presenti almeno tre teritalz, ovvero la quota minima che fa apparire il solito stuolo di pangolini muniti di macchina fotografica, 6) fu ferito.
Gli inarrestabili Cama & Benza sono ancora una volta al centro della vita culturale bolognese, testimoni viventi di questo coma vigile di cui tanto andiamo fieri. Occupatevi di loro vedendo il reportaggio qui oppure qui.
Potete anche lumare alcune foto prodotte dall’ LMT Fancleb cliccando invece qui.

Una Collettiva di Natale

14/11/2006

Bambino Tazza, 2006Cari amici dotati di apparto visivo e piacere per il disegno, vi giro un invito riguardante una esposizione collettiva che apre venerdì prossimo, 17/11, in via Galliera, a Bologna.
Comprende un bel gruppetto di bravi illustratori italiani. Ognuno di loro ha utilizzato tecniche differenti, qualcuno ha realizzato opere tridimensionali. Il filo conduttore è una speciale attenzione al modo di guardare dei bambini. Sono disegni che “parlano” ai piccoli e a chi sta accanto a loro. Adesso non vorrei rovinare questo bel quadretto ma devo aggiungere che fra chi espone ci sono anch’io. Partecipo col disegnino che vedete qui accanto.
Ciò significa che se venerdì passate alla galleria, dalle 18:00 in poi, possiamo anche scambiarci convenevoli. Qui di seguito, le indicazioni precise,.

Gli artisti in mostra: Annalaura Cantone . Chiara Carrer . Onofrio Catacchio . Nicoletta Ceccoli . Maja Celija . Mara Cerri . Gianni de Conno . Vittoria Facchini . Francesco Fagnani . Michele Ferri . Francesca Ghermandi . Gabriella Giandelli . Roberto Grassilli . Magda Guidi . Valentina Mai . Giovanni Manna . Clementina Mingozzi . Octavia Monaco . Eva Montanari . Simona Mulazzani . Giulia Orecchia . Marco Paci . Alessandro Sanna . Teresa Sdralevich . Pia Valentinis


GALLIERA BLU
Via Galliera 19 Bologna
mar mer ven 16,30-19
sab 10-13 e 16,30-19,30
info 051.5883178
gallierablu@fastwebnet.it

(altro…)

Biograflash

21/06/2006

Biografilm Festival 2006 / 1 Piccolo aggiornamento sul Biografilm Festival: tutto bene. Per come è cresciuto in un solo anno di vita, sento di poter dire che è destinato a un futuro molto interessante.
Souvenir di quei cinque giorni: un’intervista lampo (2’57”) alla signora Ciotta e, a seguire, al suo fido scudiero disneyano (me). E’ stata raccolta dai ragazzi di Flashvideo, potete vederla, senza costi aggiuntivi, cliccando qui e selezionando il vostro tipo di connessione in rete. Arrivederci alla prossima biogra-impresa del BFF.

Il posto giusto per le stelle/2

04/03/2006

Biografilm Festival a Milano/4 biomi.jpg Il pomeriggio del primo marzo al "Web Studio" di Messaggerie Musicali: momenti di intensa, rinnovata e, a questo punto (dopo le vicende Pixar-Jobs), addirittura liberata disneyanità. Una bella partenza per il Biografilm Festival (basic version) in trasferta a Milano.
Mariuccia Ciotta ha chiacchierato del suo "Walt Disney. Prima stella a sinistra" con me e con Andrea Romeo, direttore della manifestazione.
Pubblico limitato ma concentratissimo per un’ora e mezzo di "operazione verità" dedicata ad uno dei grandi genii del novecento (non dovete credere a me: lo dicevano Chaplin, Ejzenstejn, Welles, Dalì, Benjamin…).
Con la Signora Ciotta non finisce qui: il complotto continuerà, nel nome di Walt.

E già che ero lì, Romeo mi ha cooptato nella seconda parte del pomeriggio meneghino, a tributare un po’ di onori al grandissimo Douglas Adams, lo scrittore di culto, scomparso qualche anno fa, creatore della "Guida Galattica per Autostoppisti". Un altro bel momento di fili riannodati e connessioni ritrovate. A testimonianza dell’affetto di cui gode tuttora Addams, presenziavano alcuni giovanissimi lettori della "Guida Galattica" con il loro bravo asciugamano al collo! (attenzione: il 25 maggio sarà Towelday! Presto maggiori informazioni…)

Ultime: Domenica 5/3/06, le chiacchierate di cui sopra sono state trasmesse da Radio24. E’ possibile ascoltare o scaricarsi il documento in Realaudio dal sito dell’emittente.

Tutte le notizie sul festival-sezione Milano, nell’apposito sito dedicato.

Il posto giusto per le stelle

23/02/2006

biomi.jpg Dall’1 al 3 marzo Spazio Oberdan e Messaggerie Musicali ospitano una speciale edizione del Biografilm Festival, primo evento interamente dedicato alle biografie e ai racconti di vita. Promossa dalla Provincia di Milano, proporrà al pubblico milanese un ricco programma di proiezioni, incontri, approfondimenti: un percorso che intreccia i media e i linguaggi, nella convinzione che ogni storia di vita, celebre o meno nota, vicina o lontana nello spazio e nel tempo, reale o immaginaria, possa aiutarci a comprendere anche un po’ della nostra storia, e ad orientarci nello scenario contemporaneo.
A Milano Biografilm presenterà, oltre ad alcune anticipazioni della seconda edizione, il meglio della Selezione Ufficiale della prima edizione, due dei focus più rappresentativi (Enrico Mattei e Douglas Adams), il progetto Gente di Milano, realizzato dalla provincia.
Il primo marzo, in particolare, sarò della partita su un argomento a cui tengo molto:

Ore 16.00 – Messaggerie Musicali: Walt Disney
Presentazione del libro Walt Disney. Prima stella a sinistra di Mariuccia Ciotta, edito da Bompiani
Intervengono Mariuccia Ciotta, Roberto Grassilli e Andrea Romeo.

Inutile che precisi che, se siete in zona, farà molto piacere salutarvi di persona. Tutte le notizie sul festival-sezione Milano nell’apposito sito dedicato.

Chiusa Situazionista

18/11/2005

PAOLO: E il nostro Autore?
FLAVIANO: Ora capisco che non esiste nessun Autore o, per meglio dire, che ne esistono molti, una moltitudine -infinita; quindi la nostra storia non era una sola, ma tante. Anche noi siamo finzioni e il nostro significato complesso e sottile è emerso dalla semplice materia, dalle origini più umili. Siamo un pensiero che, in un istante, ha attraversato una mente; un gesto che quasi non merita spiegazioni.
MANU: Devo abbandonare questa visione?
ROBERTO: Solo se desiderate tornare a vivere tra gli uomini.
MANU: E’ una scelta difficile.

TUTTI IN UNA SORTA DI CADENZATO CORO LOGICO:

Ciò che abbiamo taciuto

ora trova espressione.

Le parole non sostituiscono più il pensiero.

Linguaggio e significato

Sono vuote intenzioni;

Complessità emergente, elevaci!


Così si chiudeva la parte di intervento che ci riguardava, ieri sera a Pescara: uno sbilenco “coro greco”. Tanto per darvi un’idea del clima. Poi Manu “Mardin”, Flaviano “Herzog“, Paolo Ferri e il sottoscritto si sono alzati dal tavolo della conferenza e sono andati a mangiare il maiale ubriacato. L’umidità urbana era attorno al quattrocento percento. Serebbe andata a finire male senza la giusta pressione di Loredana “Lipperatura“, che ha richiamato la truppa al programma e all’orologio. A lei, a Giuseppe “Blog Notes” e Filippo La Porta toccava la tornata successiva, di cui un denso riassuntino laggiù nel di Essa blog. Tiziano Scarpa ha concluso con parole sue, lette al par suo, divertenti e in grado di mantenere l’attenzione quando ormai si doppiava la mezzanotte. Come un anguillone sotto farmaco sono poi scivolato verso il letto, attraversando, con Granieri, un corso pescarese sospeso fra lavori di arredo urbano a perdita d’occhio. Dal meritorio Festival insomma, mi sono portato a casa molte parole utili, alcuni segni, occhi intelligenti, e in particolare lo Scuiattolo di Tiziano Scarpa e i testi di Manuela, belli quanto la loro interpretazione sonorizzata.

Il 17 sarò alle Corde

07/11/2005

ASSESSORATO ALLA CULTURA
Città di Pescara
festival delle letterature duemilacinque
16-20 novembre, museo colonna, pescara

giovedì17novembre: CORDE
di segni, di versi, di geni, di bit
bit
ore18 bite the bit
letture di blog in blog
a seguire reading di claudia bada
ore18e30 troppe volte zero, baby, non vuol dire uno
lettura musicata su testi di manuela ardingo
geni
ore19 codici di scritture (in)visibili
con flaviano fillo e roberto grassilli
a cura di manuela ardingo e paolo ferri
ore19e45 toilette papers
istallazione cura di no hay banda
ore21e30 la rete e la democrazia letteraria
dibattito con giuseppe granieri e loredana lipperini
coordina filippo la porta
versi
ore22e30 groppi d’amore nella scuraglia
lettura scenica di tiziano scarpa
seguirà un incontro con l’autore
segni
in occasione di corde verrà allestita un’esposizione dei disegni di roberto grassilli
IL PROGRAMMA COMPLETO DEL FESTIVAL

Bosch e non lo sapevo

13/10/2005

borgoandreaNei prossimi giorni, come dicevo, uno dei nostri borghi, quello del centro storico, va in festa con un putiferio di sollazzi e luvèrie. Tutta la gente di Sant’Andrea s’impegna a fondo per rendere irresistibile quel reticolato di strade che sta fra i due corsi d’acqua riminesi. Insomma,
programma ricco
, faremo sicuramente le nostre Incursioni Verdi, in particolare sabato mattina, quando verrà scoperta una targa dedicata a quel Giuseppe nato 200 anni fa (il borgo ha antiche radici repubblicane).
Segnalo ai romagnoli e ai transitanti la mia partecipazione alla mostra “La Riminesità nella satira” (13/16 ottobre 2005, Galleria Mazzini – Piazza Mazzini, Rimini), di cui un post poco più sotto, in questo blog.
Per questa manifestazione il prof. Alessandro Giovanardi ha steso una nota critica introduttiva. Lo stimato esperto di arte sacra si è speso in belle parole per tutti i disegnatori esposti e vi riporto il passaggio che mi riguarda:

«Diverso infine è l’universo cromatico e stilistico di Roberto Grassilli che quando guarda a Rimini come ad un decadente paese dei balocchi sembra davvero ricordarsi di Bosch. La nostra città possiede, d’altro canto, molti volti reali e immaginari su cui il maestro di satira può esercitarsi.»

 

Io ringrazio, Jeronymus non saprei :-).

PS: Il caro Stark è passato a dare un’occhiata alla mostra. Potete leggere un suo parere qui.


Ma che Borgo siamo noi?

07/10/2005

La Casina Verde non è in Borgo San Giovanni, perchè il Borgo san Giovanni è dilà dall’Arco. Ovviamente non è in Borgo San Giuliano (“IL” Borgo), che sta dall’altra parte della città. Credevamo fosse inserita in una sorta di Borgo Centro e invece adesso viene fuori che siamo parte di Borgo Sant’Andrea, il quartiere delle acque, il pezzo di città che fu devoto a Mazzini e al primo sogno repubblicano. Quindi se il tuo Borgo va in festa tu rispondi alla chiamata e partecipi con quel che hai di tuo.

FESTA DEL BORGO SANT’ANDREA
13, 14, 15 e 16/10/2005

«La mostra, dal titolo piuttosto esplicito La riminesità nella satira, si propone di esporre alcuni episodi significativi di disegno satirico con tema politico e di costume, di autori locali o comunque inseriti nella realtà locale riminese che, negli ultimi anni, si sono occupati di “decostruire” le contraddizioni del fare politico, sociale e di costume comune e quotidiano attraverso lo sguardo graffiante e visionario tipico dell’artista. Lo scopo di questa manifestazione è quello di proporre uno sguardo allo stile, alla logica e alle esperienze avvenute a Rimini negli ultimi anni e di identificare, nel caso esistesse, una caratteristica comune connotabile come riminesità, un insieme di valori comuni, grafici e di significato, che vengono raccolti in questa esposizione, originale quanto ricca di contributi, che si svolgerà durante i giorni della festa nei locali della Galleria Mazzini.
Espongono: Caterina Basili, John Betti (Giovanni Luca Gionbetti), Marino Bonizzato, Gian Maria Della Bartola, DOC (Luigi Casadei), Daniele Fabbri (Luttazzi), Roberto Grassilli, Danny Irreparabili (Danilo Matassoni), Lubo (Luigi Bonizzato), Mauro Masi, MAVI (Vincenzo Maierù), Gabriele Nanni, Claudio Babbi».

(altro…)

net TOSHARE be

03/03/2005

Essere “onorati” a Torino, ecco una cosa che deve capitare a ogni autore minore si, ma di buona indole come il sottoscritto.
A Torino ti mettono in mano un bicchiere di Nebiolo e ti parlano della miglior cioccolata del mondo, del primo cinema d’Italia e di quell’angelo che venne giù dalla Mole per conficcarsi nell’ufficio di Nonno Angela. Nell’ufficio per fortuna, non nel nonno. Ehm: Angelo – Angela.
Torino si sente risorta, a dieci anni dal TonfoFiat, ed è in marcia verso un evento olimpionico che la sbatte ogni giorno come come una stuoia: 50 cantieri aperti in città, architetti allo stato brado, occhi puntati da tutto il mondo.
Andrea Toso mi ha chiamato lassù e mi ha incorniciato ben benino nel ToShare, ovvero il Festival del sapere condiviso nella rete. Il sapere, il fare, il saper-fare delle cose e così via aggiungendo. Un paio di post qui sotto trovate i riferimenti ufficiali.
La due giorni di mia competenza, all’interno di una lunghissima e ampia manifestazione, mi ha dato il piacere di riparlare di Net To Be e di vedere la mia strip messa a disposizione dei visitatori di Palazzo Cavour (sì, l’appartamentino in centro del Conte Camillo) nella maniera più coerente con il suo contenuto. Fra sapienti installazioni di elettronica più o meno concettuale, i bravi allestitori della Share hanno ricavato una zona in cui Alessio & C. ammiccano elagantemente da una parete nera, da un pc online e da un’altro computer che consente a chiunque di scegliersi la striscia preferita, di stamparla e portarsela via.
matt_gra_eri2.jpgCapitemi. Non più giovane fumettista, decentrato e non certo celebre, atteso al varco da un paio di undicenni che volevano autografo e dedica. Beh, ci si ricarica, checaspita.
Benedetti i locali della mostra, vengo poi traslato, in serata, nel locale dove si svolge la seconda azione artistica a cui sono iscritto. Ed eccoci al Bu.net (guardate il sito, chiedete a un piemontese e capirete la genialità di questo nome).
Con un blogrodeo ai nastri di partenza, i disegnatori Eriadan, Mattioli e Grassilli venivano collocati davanti a blocconi di carta su cui improvvisavano, legandosi (più o meno) alle parole chiave della serata: ipocrisia, vino, mare.

(altro…)

ToShare 2005

19/02/2005

«TRATTI DIGITALI: IL DISEGNO E IL FUMETTO SUL WEB»
Sabato 26/2 ore 14:00 -> 16:00
Piemonte Share Festival 2005
Palazzo Cavour – via Cavour, Torinotoshare05:25

Organizzata da Andrea Toso (aka Axell) e Maria Costanza Candi per Osservatorio Scrittura Mutante, Biblioteca Civica e Multimediale di Settimo Torinese.
L’incontro/tavola rotonda vedrà coinvolti personaggi emergenti e di spicco del fumetto e del disegno italiano, che vede nel web una forma di “pubblicazione” libera basata, il più delle volte, sul concetto di condivisione e di scambio. Si sono creati e ormai consolidati grazie alla potenzialità e maturità della rete nuovi contesti di pubblicazione e di espressione artistica. La tavola rotonda sarà l’occasione per analizzare nel dettaglio il fenomeno e capire meglio questa piccola (o grande?) evoluzione di un potente strumento di comunicazione e d’espressione da sempre molto amato.
La vecchia “striscia” sopravvive sul web o crea nuove forme di comunicazione? E’ la condivisione a generare nuovi scambi e nuovi scenari di fruizione? La bravura ha la possibilità di emergere e di imporsi nel caos del web? Quali sono gli scenari nei prossimi anni? Il blog e, prima di questa piattaforma di comunicazione, il web, hanno permesso al fumetto di emergere e di imporsi anche nel dialogo con i lettori? Commentare una vignetta, infatti, era un’operazione impensabile prima del mondo blog. Stiamo parlando di fumetto interattivo? O sono solo parole che rischiano di nascondere l’effettiva bravura ed efficacia comunicativa di questi nuovi disegnatori?
Moderatore: Gianluca Neri di Macchianera.net
Ospiti: Roberto Grassilli, Paolo Alighieri (Eriadan), Emiliano Mattioli (FDM: Fumetti Disegnati Male).

«DIGITAL COMICS»toshare05:4
GiovedÏ 24/2 – MartedÏ 1/3 – 10:00 -> 19:00
Piemonte Share Festival 2005
Palazzo Cavour – via Cavour, Torino

Dal 2000, la Biblioteca Civica e Multimediale della Città di Settimo Torinese promuove, con il progetto Multimedialità e lettura e con l’Osservatorio Scrittura Mutante, una linea di ricerca e numerose attività mirate ad approfondire i principali aspetti connessi alle trasformazioni indotte dai nuovi strumenti di comunicazione sulle attivit‡ espressive e cognitive, quali la lettura, la scrittura e la composizione audiovisiva. LíOsservatorio, nelle sue attività, intende affrontare il tema della scrittura in ambiente digitale cogliendo le peculiarità della letteratura elettronica in tutte le sue sfaccettature e approfondire i nuovi modi di narrare che le nuove tecnologie della comunicazione rendono possibili.
Palazzo Cavour ospita anche una piccola installazione-mostra dedicata a “NET To BE”.

Tutte le vite del mondo

20/01/2005

Due anni fa il mio amico Andrea Romeo iniziò a raccontarmi una sua idea, un festival cinematografico da erigere ex-novo. Poteva sembrare la scoperta dell’acqua calda, ma ebbi subito l’impressione che il fuoco fosse sul soggetto giusto: la vita, anzi, le vite umane.

Una kermesse dedicata alle biografie, soggetto filmico ben definito e campo sconfinato, fecondo di interconnessioni ma ancora spoglio di un appuntamento dedicato.
Mentre di chiacchiera in chiacchiera il progetto si precisava nelle nostre capocce, Romeo, assieme ai suoi ditheCultureBusiness, metteva in moto pulegge e tiranti.

Oggi il nuovo festival è quasi pronto, ronza di fronte alla pista di decollo. C’è già un sito, dove potete trovare i primi interessanti materiali. Leggete la presentazione di Andrea, vi farete un’idea del perchè e del percome. Poi, se siete in fregola pazzesca, potete leggervi anche il mio commento qui sotto, il mio autorevole parere sulla faccenda.
Ah, dato che sono graficamente e personalmente coinvolto, aspettatevi, nell’immediato futuro, aggiornamenti e rubriche su questa “International Celebration of Lives“: il Biografilm Festival, dal 26 maggio a Bologna.

Resistenti all’erosione: questa è una chiave che mi piace molto. Per me è come passare a una fase successiva di resistenza, dopo aver praticato quella “umana”. Ed anche un modo di eludere il terribile empasse contemporaneo, con il suo orizzonte affollato di figure mediocri, imbarazzanti, che coprono abusivamente la visuale.
Forse è gi
à successo in tutte le epoche come la nostra, apparentemente improduttive, che ci si fermi a recuperare le voci del passato, ed ogni volta ci si è probabilmente stupiti della loro vividezza.

L’immagine che vedo affacciarsi è quella di una generazione che cerca profondità nelle parole dei propri anziani, che trova ispirazione rileggendosi le vite degli antenati. Mi fa ricordare una scena, vista diversi anni fa, di una piccola comunità, che la sera attorniava il contastorie locale, per ascoltarne la voce, per farsi incantare dai gesti, nella piazza di un villaggio scozzese.
Questo festival potrebbe avere una vita infinita, anzi, molte diverse vite parallele, come suggerisce il titolo. Trattando anche di “classici”, potrebbe essere una specola, uno strumento aggiornato al pensiero contemporaneo, utile per ri-illuminare certi miti un po’ impolverati o certi aspetti dimenticati della storia umana.
E magari, aggiornando il concetto di “classico”, potrebbe diventare un importante appuntamento annuale per chi elabora il pensiero da diversi e lontani ambiti culturali, certamente non solo cinematografici.
Insomma, Andrea, confermo e condivido l’entusiasmo per questa tua intuizione. Penso che lo spazio per questa iniziativa sia ampissimo, anzi, che scoprirai/scopriremo, creando il BFF, che dietro quella porta ancora chiusa c’è un ambiente enorme e dimenticato. Una grande sala perfetta per celebrare periodicamente le Vite dell’Uomo.