Gnomi

10922964_10152703307708227_150339153_o

Disegno per la fine della scuola materna di Gioconda Grassilli –  2006.

10922194_10152703308098227_840848182_n

Anche quest’anno qui ci sono quattro calze appese

Cronaca Pulita

Devo fare i complimenti a Piazza Pulita che ultimamente ha smesso di essere una foresteria per chiacchieroni abbienti (come gli altri talk show) e ci fa vedere un po’ di mondo autentico.
Ammirazione per Valentina Petrini, Francesca Nava, Francesca Mannocchi, coraggiose inviate, narratrici senza retorica santoriana.

Fuga dall’Italia, la shoah dei profughi sopravvissuti al mare

Oltre 120 mila profughi salvati da Mare Nostrum nel 2014, il reportage di Valentina Petrini dalla Puglia fino alla fuga dall’Italia.
LA7.IT

(forse le uniche storie che oggi avrebbero la dignità di essere raccontate sono quelle dei migranti. Forse le storie che dovrei raccontare sono quelle di questi miei simili. Forse se non ho la forza di raccontarle mi devo vergognare). 

          Tehh-eh! Cresce e si arricchisce la cartella di Clarence nel portfolio di Rob Grassilli

cubo_clarence

 

 

La mii Bulugnàza

Ma sono convinto che se invece di Kilocal lo avessero chiamato KaloCul ne avrebbero venduto di più

la sua bambola ha tutto

Ci provo in tutti i modi ma non esco da quel pensiero di strage in Pakistan. La radio mi soffia un ragionamento e una canzone e mi aiuta. In questi casi arriva sempre un amico con le sue parole così tu puoi stare zitto un momento e tirare su col naso.

Poi ricominciare con le cazzate e i disegnini.

 

Gianni Rodari
La mia bambina ha una bambola,
la sua bambola ha tutto:
il letto, la carrozzina, i mobili della cucina
e chicchere e posate e scodelle,
e un armadio con i vestiti sulle stampelle in folla,
e un automobile a molla
con la quale passeggia per il corridoio quando le scarpe le fanno male.
La mia bambina ha una bambola
e la sua bambola ha tutto,
persino altre bamboline più piccine
anche loro con le loro scodelline, chiccherine, posatine…
E questa è una storiella divertente
ma solo un poco,
perché ci sono bambole che hanno tutto
e bambini che non hanno niente.

 

il giorno dell’albero

 

Albero bell’albero insieme a te vogliam danzar

10367678_10152615806008227_4592508966985540071_n

Va bene va bene qui è pieno di gente che non guarda la tv ma che non puo fare a meno di intervenire ogni volta che si parla di trasmissioni per sottolineare che lui la tv non ce l’ha, non l’ha mai avuta, non l’avrà mai e se ne vede una spara. Benedetta televisione, ha uno strano modo di essere assente dalle vite di alcuni. 

L’America si chiede come si possa morire così giovani per mano della polizia. Se vengono qui gli facciamo un master

Comunque il viaggio in treno dalla costa marchigiana a Perugia andrebbe inserito tra le bellezze italiane da non perdere

Onore, onorissimo a ‪#‎Gazebo‬, a @zdizoro e alla sua coraggiosa telecamerina.

Il miglior giornalismo possibile oggi, nell’era del rincitrullismo televisivo di Piazza Ballezzero.

comunicato nr.89

Avete sentito la sentenza ‪#‎Cucchi‬? Avete letto il comunicato Sap? Coetanei, non vi sentite meravigliosamente giovani? È proprio dei tempi dei nostri vent’anni: il giudice sempre Nemico, la polizia sempre fascista.

Buon allowino

Difendiamo le nostre radici culturali!

10370981_10152544120303227_3007039253278929388_n

Ve l’ho già detto vero che dentro di me c’è una casalinga inglese?

10733997_10152544405448227_483715437139185567_n

Altri “Altri Nani”

Traccia per la copertina di Altri Nani di Lino e i Mistoterital, 1991. L’etichetta discografica la respinse temendo che la Disney potesse farci causa (???). Noi sei siamo “nanizzati” nello stile giusto (da sinistra: Ted, Ronnie, Bob, Steve, Phil, Lauro) ma dovetti cambiarla in quella che conoscete.

10518694_10152541208288227_1957017329808137824_n

filastronca

che ha da dirmi whatsappetto / che ancor trilla come un pazzo?
é un ficcante messaggetto? / un invito per sollazzo?
no è la chat dei genitori / prima Bi, che rompe il

Mi viene il dubbio di essere tremendamente giovane.

in fondo al mar

10712701_10152513247193227_1149512777119923322_n

Insomma io col pesce non ci ho mai saputo fare (disegnuzzo di ringraziamento per gli squisiti ospiti Jolanda e Paolo ;))

Milano 14/10/14

Schizzi per “Optonia14“, progettone inaffrontabile che mai nessuno mi finanzierà.

10678816_10152473075683227_5294068712200742712_n 10449911_10152473075693227_946448331897627727_n

 

Piazza Ballazzero

 

 

198100_10150109605518227_6926844_n

Ok, solo perché Lia voleva vedere dieci minuti, ma é talmente disgustoso, triste, fuori-sincrono l’ennesimo ritorno dei talk-show politici (che sarebbe meglio chiamare “foresterie per benestanti“) con i soliti egoni che suonano fasulli come il continuo tappeto sonoro ansiogeno, da film anni ’70 sui servizi segreti deviati, che riesco a commentare solo con una vignetta usata.

Requiem 1990

Coinvolto per passatempo da Silvia Pompei che già frequentava, mi sono trovato in questa splendida esperienza, quel tipo di attività studentesca che da quelle parti prendono molto sul serio. Io fra i tenori, Silvia soprano. Provavamo una sera alla settimana andando con la metro e un autobus nel West End. Magiavamo la famosa “pizza riconcallata” di uno spaccio univeritario e poi ci affidavamo al simpaticissimo direttore… e qui spero che Silvia mi aiuti a ricordare il nome. 

Guida per genitori analogici

Oltre al mio girovagare disegnardo che vi ho preannunciato che poi va a capire se fra chiacchiere, drink, abraci di ammore italianno riuscirò a mettere matita su foglio, avrò una presenza meno ridanciana nel panel che vedete qui, con illustri colleghi-papà. Venite?

I papà digitali raccontano la loro esperienza e come hanno avvicinato i figli alla tecnologia. Con: Andrea Beggi, Maurizio Pesce (Wired), Roberto Grassilli (Illustratore, grafico, cartoonist Studie…
FESTADELLARETE.IT

 

DB

Di ritorno da Munchen con treno DB, passato ora il Brennero.
Un addetto si occuperà subito di rompere i bagni e sporcare un po’ in giro.

Un lifting

Per la prima volta da quando esiste la Blogfest, oggi Festa della Rete, non sono stato nominato nella categoria vignazzari.
Ecco, il mio timore s’é avverato. Mi aggiro per la sala rossa della villa mordendo nervosamente il mio cigarette holder di radica e sono ancora in vestaglia da stamattina. Ho già licenziato due giardinieri e ho detto a Sisk, il maggiordomo di non passarmi nessuna chiamata.
La mia carriera di Meryl Streep dei ©Macchianera Award (sempre nominato, mai premiato) é stroncata.
Mi verso il sesto scotch e per la sesta volta mi chiedo perché dovrei bere questo rotolino di nastro appiccicoso.
Lascio perdere, chi se ne frega. Un lifting, ecco cosa mi tira su. Mi ci vuole un lifting. Il sesto.

Risorse quasi umane 5/14

700vignetta_5-lug14
“Risorse quasi umane”: rubrica per il mensile Persone & Conoscenze, Este Edizioni. Luglio 2014.

Ne é passata di acqua

Sono Riminese d’adozione e in 11 anni di permanenza qui avevo imparato il gioco dell’almanacco: i grossi problemi strutturali stavano sui quotidiani locali da ottobre a maggio, poi spariva tutto in nome della “stagione” (balneare).
L’aggiornamento del sistema fogne era sicuramente una faccenda da priorità assoluta ma fino a qualche anno fa la sensibilità di tutti rispetto alla qualità dell’acqua era diversa. Tutti: gli amministratori, ma anche le categorie che vivono di balneare, financo i turisti che preferivano probabilmente non perdere nemmeno un bagno, visto che si trattava, probabilmente, di un rischio igienico limitato (mah?).

2014: é cambiata la sensibilità, é cambiato la percezione delle minacce “esterne” da parte della popolazione, é cambiato il clima (più piogge = più aperture degli sfioratoi). Ma soprattutto, secondo me, é cambiato il modo di essere civici; non siamo ancora a una condivisione ragionevole e operosa dei problemi, siamo ancora un po’ selvaggi, quindi urla, denunce, litigi, comitatissimi, con quell’effetto sgradevole di chi si sveglia la mattina e si accorge di qualcosa che é lì da settant’anni.

Quest’ultima amministrazione ha messo mano seriamente al problema “merda in mare” ma come si può immaginare non é roba da pochi mesi di lavoro.
L’obiettivo di dimezzare entro il 2016 gli scarichi sarà seguito da quello di eliminarli completamente entro il 2020.
Nessuna assoluzione per chi, dal dopoguerra ad oggi, ha girato la testa dall’altra parte, però vorrei vedere chi potrebbe permettersi di lanciare la prima pietra.

Simone

10513521_10152338182268227_8798787357355198233_n-1
Simone il tecnico, dalla striscia “Net To Be
Simone the technician, from comic strip “Net To Be