Posts Tagged ‘new york’

settembre 4, 2011


Vignetta per “il Misfatto” del 4/9/11. Tavoletta grafica.

agosto 29, 2011

in solidarietà con New York, ieri le onde più alte della stagione. Oggi muscoli delle gambe tutti indolenziti.

WTC: sanagola ’93

settembre 12, 2009



Una mini-commemorazione fabbricata con le poche immagini rimaste da una vacanza. Lia e R:ob su quelle torri che non esistono più.

Bendix sull’Ottava

ottobre 27, 2003

Su uno scaffale del 1994 c’è questo disegno, che si chiama “Bendix, Ottava Strada, New York“.
L’ho fatto in previsione di una mostra che poi non s’è tenuta, ma soprattutto perchè avevo voglia di fermare gli sbuffi di polvere di un ricordo piacevole. Lia ed io eravamo stati a visitare le Twin Towers, era ormai sera e a casaccio scegliemmo un ristorante che ispirava cordialità e calore, sbirciando dalla vetrina. Ed era ciò che prometteva, un localetto di aspetto dignitoso e orgogliosamente “di servizio”: bacheche piene di annunci solidali, tavolini occupati da un’umanità variegatissima e rilassata, menu che badava al sodo. E, per noi due, il sodo fu un pollo “Jewish Home Style” che ancora ricordiamo con commozione. Nel disegno, al centro una
mia “Lia” versione manhattaniana, mentre quel gatòne di spalle sono io come mi presentavo quasi dieci anni fa. In barba a tutti i luoghi comuni su New York, spendemmo poco, fummo trattati con gentilezza e tornammo tranquillamente a piedi all’albergo.

Bendix sull’Ottava

settembre 28, 1994


Su questo scaffale del 1994 c’è un disegno che si chiama “Bendix, Ottava Strada, New York“. Se volete guardarlo, cliccate sul particolare qui accanto, sono un’ottantina di “k” di peso, non dovrebbe essere drammatico da aprire.
L’ho fatto in previsione di una mostra che poi non s’è tenuta, ma soprattutto perchè avevo voglia di fermare gli sbuffi di polvere di un ricordo piacevole. Lia ed io eravamo stati a visitare le Twin Towers
, era ormai sera e a casaccio scegliemmo un ristorante che ispirava cordialità e calore, sbirciando dalla vetrina. Ed era ciò che prometteva, un localetto di
aspetto dignitoso e orgogliosamente “di servizio”: bacheche piene di annunci solidali, tavolini occupati da un’umanità variegatissima e rilassata, menu che badava al sodo. E, per noi due, il sodo fu un pollo “Jewish Home Style” che ancora ricordiamo con commozione. Nel disegno, al centro una
mia “Lia” versione manhattaniana, mentre quel gatòne di spalle sono io come mi presentavo quasi dieci anni fa. In barba a tutti i luoghi comuni su New York, spendemmo poco, fummo trattati con gentilezza e tornammo tranquillamente a piedi all’albergo.